Questo sito utilizza cookie. Cliccando su ok, continuando la navigazione, scorrendo in basso o chiudendo questa finestra si accetta l'utilizzo dei cookie.

Lunedì, 12 Ottobre 2015 00:00

News1

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

“Fondazione Giovani Artisti – Giovani Utenti”: a venti anni dalla nascita illustrata attività svolta al sindaco Luigi De Magistris e agli assessori Nino Daniele e Alessandra Clemente.

Napoli. Sala giunta comunale, il presidente della “Fondazione Giovani Artisti – Giovani Utenti” Maria Rosaria Teatro, ha illustrato a venti anni dalla nascita l’attività della fondazione unitamente ad Emilia Falcone, Grazia Pernice e Martina Romanello.

Maria Rosaria Teatro: “Il progetto è cofinanziato nell’ambito del Piano Coesione “Giovani no profit”, Dipartimento della Gioventù e del servizio Civile Nazionale della Presidenza del Consiglio dei Ministri, patrocinato e sostenuto dal Comune di Napoli e sponsorizzato da Unicredit Banca”. “Realizzare, ha proseguito il presidente Teatro, una “comunity art center “, uno spazio integrato per la cultura a carattere innovativo, capace di prefigurare e sperimentare attorno ad una scuola dismessa e destinata a un degrado infinito, sita in San Giovanni a Teduccio, un modello nuovo d’intervento di politiche occupazionali giovanili nel settore culturale, coniugando il potenziale creativo del territorio con la volontà dei giovani a investire nell’arte”.

Emilia Falcone, ha detto che le azioni progettuali sono la realizzazione degli spazi per riqualificare e rifunzionalizzare quello spazio pubblico destinato altrimenti all’abbandono e al degrado, fare formazione, trasferendo le competenze specifiche nel settore dell’impresa culturale, in particolare, tecniche del suono e dei supporti visivi, macchinista e attrezzista teatrale, elettricista teatrale, fotografo di scena, addetto stampa e multimediale, operatore di sportello e implementazione dei servizi. Falcone ha finito dicendo che i giovani potranno sperimentare, nella pratica, le strategie più efficaci ed efficienti onde garantire la massima qualità e innovazione che intendono attivare.

Martina Romanello, ha detto che si tratta di un lavoro che deve rendere autonomo il progetto, dare nuova occupazione giovanile e auto finanziarsi: un supporto logistico – organizzativo che favorisca i giovani artisti emergenti, nella creazione del loro prodotto artistico – culturale.
Grazia Pernice, ha riferito che ci saranno un ufficio stampa e una piattaforma online per promuovere e diffondere i prodotti artistici / culturali, mettere in rete i vari segmenti dell’impresa culturale e favorire l’incontro tra domanda e offerta. Infine, ci saranno servizi di Informazione, orientamento e accompagnamento per sostenere l’auto imprenditorialità dei giovani e favorire il loro inserimento nel mondo del lavoro, sia in campo nazionale sia in quello europeo.

Letto 389 volte
Altro in questa categoria: News3 »